RICORSO AL TAR RICONOSCIMENTO SPECIALIZZAZIONE SOSTEGNO

Lo Studio Legale Danza, si occupa da anni, di controversie di Diritto Scolastico finalizzate alla tutela del personale della scuola. Da tempo si occupa della tutela degli abilitati in Romania; è ben nota la organizzazione del Convegno del 1 febbraio 2019 dal titolo” La tutela del diritto al lavoro e all’insegnamento degli abilitati all’estero secondo la Direttiva europea n.36/2005 e il D.lgs. n.206/20017 attuativo”, presso la Camera dei deputati i cui resoconti video sono consultabili su www.fsiscuola.it.

Come è noto il MIUR nei decreti di rigetto individuali seguiti all’avviso n. 5636/2019 pubblicata in data 2.4.2019 non riconosce i titoli denominati “Programului de studi psihopedagogice, Nivelul I e Nivelul II”, conseguiti dai cittadini Italiani in Romania, poiché non soddisfano i requisiti giuridici per il riconoscimento della qualifica professionale di docente ai sensi della Direttiva 2005/36/CE e successive modifiche.

Inoltre il MIUR nei decreti di rigetto, seguiti alla Nota N. 5636 del 2.4.2019 rigetta anche le istanze di riconoscimento della specializzazione sul sostegno presentate dai docenti che l’hanno conseguita in Romania, poiché non soddisfano i requisiti giuridici per il riconoscimento della qualifica professionale di docente ai sensi della Direttiva 2005/36/CE e successive modifiche.

OBIETTIVI DEL RICORSO

Con il ricorso giurisdizionale collettivo si intende in primo luogo censurare innanzi al TAR Lazio :  I decreti di rigetto individuali seguiti all’avviso n. 5636/2019 MIUR , sia per TFA che per il Sostegno, con cui illegittimamente e senza alcuna valutazione autonoma dell’equivalenza dei percorsi di studio, rigetta le istanze di riconoscimento presentate dai docenti che l’hanno conseguita in Romania, in palese violazione della DIR.UE n.36/2005 e del D.lgs.n.206/2007, e dei principi espressi dalla Corte di Giustizia Europea ( cfr. sentenza “ Morgenbesser” del 13 novembre 2003 C-313/2001 (cfr. anche sentenza CGE 15 ottobre 1987 causa n 222/86 Heylens e a ; 7 maggio 1991 C-340/89  Vlassopoulou ; 7 maggio 1992 C -104/91 Aguirre Borrell.) .

L’avviso n. 5636/2019 pubblicato in data 2.4.2019 verrà impugnato quale atto presupposto poiché è menzionato esplicitamente nei decreti di rigetto individuali delle istanze di riconoscimento presentate dagli abilitati in Romania.

Con il ricorso si impugnano innanzi al TAR anche gli eventuali decreti di depennamento dalle Graduatoria di Merito (GM) in riferimento al concorso docenti di cui al D.D.G. n.85/2018-FIT ( in possesso del ricorrente), alfine di ottenere una pronuncia di ammissione con riserva di coloro che hanno partecipato e superato la prova orale relativa al concorso.

LA DOCUMENTAZIONE RICHIESTA DOVRÀ PERVENIRE PER ENTRAMBI I RICORSI TASSATIVAMENTEENTRO E NON OLTRE IL 10 GIUGNO 2019.

PER ADERIRE AI RICORSI CLICCA SOPRA I SOTTOSTANTI LINK NELLE CUI PAGINE E’ POSSIBILE SCARICARE LA DOCUMENTAZIONE

 

PER ADERIRE AL RICORSO E’ OBBLIGATORIA LA REGISTRAZIONE TRAMITE IL SOTTOSTANTE MODULO

( ENTRO IL 10 GIUGNO 2019) 

inserendo, cognome, nome, data di nascita, codice fiscale  ,email, tipo di ricorso ( inserendo “SS” per la specializzazione sul sostegno  + RIG ( per rigetto) + data decreto di rigetto ( es. SS/RIG.24/05/2019)  tipo di ricorso ; classe/ di concorso ( inserendo i codici corrispondenti alla classe di concorso ADMM O ADSS); “D” per eventuale depennamento ; Ufficio scolastico ( es. provincia di Milano  ) .

POI SCARICARE LA

 

DOCUMENTAZIONE PER ADERIRE AL RICORSO