Zona Arancione quali Regole per la Scuola, le ultime novità dal nuovo DPCM

Zona Arancione quali Regole per la Scuola, le ultime novità dal nuovo DPCM – Con l’introduzione dell’ultimo DPCM firmato dal premier Conte l’Italia (con le sue regioni) è stata divisa in 3 colorozioni differenti che evidenziano lo stato di criticità della regione in materia di Covid 19, le zone sono 3 e sono zona gialla, zona arancione e zona rossa, in questo articolo andremo a vedere quali sono le regole per le scuole nella zona arancione.

Prima di vedere nel dettaglio quali sono le regole per le scuole che sono in regioni classificate come zona arancione, ricordiamo che i 3 livelli decisi dal governo hanno ognuno regole e restrizioni differenti, le regioni classificate come zona gialla sono quelle meno esposte in termini di difficoltà connesse al Covid 19, le regioni classificate come zona Arancione sono più esposte al rischio rispetto alle regioni in zona gialla, mentre le regioni classificate come zona rossa sono quelle che sono più in difficoltà in termini sanitari per la diffusione del Covid 19.

Altra nota da specificare riguarda proprio la chiusura delle scuole, in questi casi le lezioni si svolgono mediante la didattica a distanza, i docenti potranno essere comunque convocati per le supplenze, anche se ora la maggior parte di loro lavorerà da casa, in particolare i docenti delle superiori.

Scuole in zona arancione le regole per le scuole

Tutte le regioni che si trovano classificate come zona arancione si trovano in una situazione di rischio classificata come moderata, al momento le regioni in zona arancione sono la Puglia e la Sicilia.

Per queste regioni ci sono però delle regole differenti, in Puglia, infatti il presidente della Regione Michele Emiliano, insieme al neo assessore alla sanità, Pier Luigi Lopalco, hanno fatto sapere, attraverso una nota, che in Puglia rimane in vigore l’ordinanza del 28 ottobre scorso.

Secondo l’ordinanza “è sospesa l’attività didattica in presenza nelle scuole pugliesi di ogni ordine e grado”. Tutte le scuole in Puglia sono quindi chiuse per volere della Regione.

Il Coordinamento di genitori “la Scuola che vogliamo – Scuole diffuse in Puglia” annuncia però ricorso al Tar contro l’ordinanza della Regione perché l’ultimo Dpcm ha stabilito che anche nelle zone arancioni, come la Puglia, le scuole primarie e secondarie di primo grado restino aperte.

Per la regione Sicilia la situazione è diversa, dove non è presente il rischio Covid le scuole restano aperte in presenza, mentre tutti quegli istituti dove c’è una situazione differente in materia di Covid (con qualche positivo o più di uno) viene applicata la didattica a distanza.