TAR LAZIO SEZ.III BIS.ACCOGLIE LA SOSPENSIVA DEL DECRETO DI ESCLUSIONE DELLA USR LOMBARDIA N°3272/2019 E ORDINA IL REINSERIMENTO NELLE GRADUATORIE REGIONALI DEL CONCORSO RISERVATO DEI RICORRENTI

Di particolare importanza la pronuncia del TAR LAZIO SEZ.III BIS depositata in data 23 settembre 2020, n° 5962/2020 di accoglimento ,dell’istanza cautelare nel ricorso patrocinato dall’Avv. Maurizio Danza del Foro di Roma, a favore degli abilitati all’insegnamento in Romania, per l’annullamento previa sospensione dell’efficacia, e per l’accertamento del diritto al reinserimento dei ricorrenti nelle rispettive graduatorie regionali di merito di cui all’art.11 del D.D.G. n.85/2018 ( , per le classi di concorso indicate nel decreto di esclusione della USR Lombardia n.3272 del 4 novembre 2019) previo annullamento dello stesso ;

del diritto alla ammissione sui posti del percorso annuale c.d. FIT, per gli Ambiti Regionali di cui agli artt. 11 co. 3 e 12 del D.D.G. n.85/2018, anche previo accertamento in via incidentale del diritto alla abilitazione all’insegnamento conseguita in Romania ai sensi del D.Lgs.n.206/2007 attuativo delle Direttive Europee n.36/2005 e n.55/2013,

per la sospensiva del decreto della USR Lombardia n.3272 del 4 novembre 2019, della nota di rigetto del MIUR prot. n. 5636 del 02/04/2019 del tutto illegittimi, e per il reinserimento dei ricorrenti nelle rispettive graduatorie regionali di merito per la classe di concorso di inserimento previste all’art.11 del DDG n.85/2018.

 

Il Collegio della Sez.III BIS, ha accolto le eccezioni in merito alla giurisdizione e competenza sollevate dal TAR Lazio con ordinanza e confutate dall’Avv. Maurizio Danza con memorie apposite depositate ad aprile 2020;

in particolare il Collegio,” considerato che i ricorrenti chiedono la sospensiva del decreto della USR Lombardia n.3272 del 4 novembre 2019, con il quale è stato disposto nei loro confronti il depennamento dalle graduatorie regionali di merito per la classe di concorso di inserimento di cui all’art.11 del DDG n.85/2018 sul presupposto del diniego del riconoscimento del titolo conseguito in Romania.” e che “Pertanto costituisce presupposto per l’accoglimento del presente ricorso l’annullamento o la sospensione dell’efficacia dei provvedimenti di rigetto del riconoscimento e della nota del MIUR prot. n. 5636 del 2 aprile 2019, oggetto di numerosi giudizi attualmente pendenti innanzi al Giudice amministrativo”, ha accolto l’istanza di sospensiva per l’effetto dispone che l’Amministrazione provveda al reinserimento in graduatoria dei ricorrenti per i quali sia intervenuto, in sede giudiziaria, l’annullamento o la sospensione dell’efficacia dei provvedimenti di rigetto del riconoscimento e della nota MIUR prot. n. 5636 del 2 aprile 2019.

UFFICIO STAMPA FSI USAE SCUOLA