DIDATTICA A DISTANZA:NECESSITA’ DI INTERVENIRE CON MODIFICHE ALLE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI

Nell’apprendere che il Governo sembra ipotizzare una possibile apertura delle istituzioni scolastiche non prima del mese di maggio, riteniamo indispensabile provvedere agli opportuni interventi  normativi finalizzati ad attribuire alla didattica a distanza e all’anno scolastico 2019-2020 piena validità– così il Coordinatore Nazionale di FSI-USAE Scuola Prof. Maurizio Danza-che aggiunge-: E’ indubbio che le uniche disposizioni di rango primario che hanno inciso sulla scuola italiana hanno si, introdotto la piattaforma didattica prevista dall’art.120 del decreto legge n.18 del 17 marzo 2020, ma non sono intervenute sulle specifiche norme relative alla valutazione degli studenti in materia di didattica a distanza ; in tal modo prosegue Danza– gli interventi auspicati avrebbero l’effetto di rendere pienamente operative le disposizioni contenute nella nota MIUR n 388/2020 e nella Nota n° 279/2020 richiamata, ad oggetto il rapporto tra attività didattica a distanza e valutazione, nonchè le decisioni già adottate dagli organi collegiali della scuola  in tema di “rimodulazione della programmazione” e di approvazione delle “griglie di valutazione “, propedeutiche alla valutazione finale e di  competenza del Collegio docenti e del singolo docente, tenuto conto della finalità di contemperare il diritto costituzionale all’istruzione degli studenti .

UFFICIO STAMPA FSI USAE SCUOLA