Le risorse del Governo per il rinnovo del CCNL scuola 2019/2021 sono insufficienti : altro che armonizzazione con l’Europa, cosi’ non si va da nessuna parte

Di ieri le notizie diffuse da Viale Trastevere in riferimento alle risorse che il Governo metterebbe a disposizione per il rinnovo del CCNL Scuola. Secondo il Ministro, nella Legge di bilancio vi sarebbero solo 1,7 miliardi di euro finalizzate ad evitare la perequazione di 15-20 euro rispetto al contratto precedente : sostanzialmente un aumento dello stipendio pari all’1,9 per cento lordo, dunque 23 euro per il 2019 pari a 14 euro . Tali risorse sono del tutto insufficienti poiché non consentono non solo il recupero di quanto perso fra il 2010 e il 2017, ma neanche quanto perso con il blocco parziale degli scatti di anzianità,-così il Coordinatore Nazionale di FSI USAE Scuola Prof. Maurizio Danza- che aggiunge , -purtroppo dobbiamo constatare che anche questo Governo non sembra avere tra le priorità dell’agenda politica il rilancio e la difesa della categoria della scuola che si allontana sempre più dal tanto auspicato processo di armonizzazione delle retribuzioni con quelle degli altri paesi europei-.

UFFICIO STAMPA FSI USAE SCUOLA