BONUS DOCENTI : RICONOSCIUTO DAL TAR DEL LAZIO SEZ.III BIS IL DIRITTO DI ACCESSO DEL DOCENTE AI CRITERI, AI DESTINATARI E ALLE SOMME ASSEGNATE DAL DIRIGENTE SCOLASTICO AI SENSI DELLA L.N.107/2015

Di particolare novità la sentenza del TAR del Lazio che si è pronunciato favorevolmente in relazione ad una richiesta di accesso agli atti proposta da un docente in riferimento all’assegnazione del “bonus per la valorizzazione del docente” previsto dall’art.1 co.129 della L.n.107/2015  e finalizzata ad acquisire tutta la documentazione relativa ai criteri, ai destinatari ed alle somme assegnate dalla scuola.

Il principio espresso nella pronuncia appare di particolare importanza, atteso che allo stato attuale in riferimento alla distribuzione dei premi al personale sia della scuola che delle altre pubbliche amministrazioni derivanti dalle risorse a disposizione della contrattazione integrativa, la norma di cui all’art.20 del D.lgs.n.33/2013 ( c.d. codice della trasparenza), limita la pubblicazione ai soli dati relativi al trattamento accessorio in forma aggregata.

Nel caso di specie, il docente escluso dall’assegnazione del “bonus”, aveva chiesto di conoscere gli atti che avevano portato la scuola ad assegnare le somme previste dalla legge 107/15 per la valorizzazione del merito.

A fronte del diniego opposto dall’istituto scolastico, il docente ha presentato ricorso al TAR del Lazio ai sensi dell’ art. 116 del DLgs 104/10 che regolamenta l’ accesso e la  tutela.

Il TAR del Lazio nella pronuncia ha ritenuto che “l’istanza proposta dal ricorrente ha nella sostanza ad oggetto la documentazione relativa al procedimento di concessione del bonus, che costituisce documentazione ostensibile a chi vi abbia interesse ai sensi degli articoli 22 e seguenti della legge 241/90 ”.